Gennaio in poesia

Walt Whitman

gennaio

Io credo che un filo d’erba non valga affatto meno
della quotidiana fatica delle stelle,
e la formica è ugualmente perfetta, come un granello di sabbia,
come l’uovo di uno scricciolo,
e la piccola rana è un capolavoro pari a quelli più famosi,
e il rovo rampicante potrebbe ornare i balconi del cielo,
e la giuntura più piccola della mia mano qualunque meccanismo,
può deridere,
e la mucca che rumina con il suo capo chino è superiore
a qualsiasi monumento.

Walt Whitman

W. Shakespeare

gennaio

Quando con tutta forza soffia il vento
e nella tosse annega il sermone del parroco
e gli uccelli stanno fermi e tristi nella neve
e di Marion il naso e rosso e ruvido…

W. Shakespeare

Saffo

gennaio

Gli astri intorno alla limpida luna
nascondono l’immagine lucente
quando piena più risplende bianca
sopra la terra.

Saffo

Sergio Solmi

gennaio

Scende, si posa su tetti e balconi
l’antica neve. Dai vetri mi appare
incredibile e nuova come apparve
ai miei meravigliati occhi d’infanzia.
Esita presso terra a un breve soffio
d’aria mossa, ricade leggermente…

Sergio Solmi

Jean Ingelow

gennaio

Spinto dal vento il fumo
del monte Fuji
scompare nel cielo;
il mio cuore si dirige
verso l’infinito.

Jean Ingelow

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.