Marzo in poesia

marzo in poesia

Carlo Di Legge

marzo in poesia

Esco stasera,
è notte come di primavera.
Una luna piena principessa
regala argento alla valle dei limoni.
Nello spirito
un sentimento pieno come la luna
dipinge splendidi colori
fino ai luoghi più segreti.
Sei come la luna, tu che mi conforti:
lei sta in alto, tu ovunque.

Carlo Di Legge

P. B. Shelley

marzo poeti

Anemoni e violette,
colorati, ma ancora senza profumo,
coronano il pallido anno, debole e nuovo.

P. B. Shelley

U. Saba

marzo poeti

Di marzo per la via della fontana
la siepe si è svegliata tutta bianca,
ma non è neve, quella:
è il biancospino
tremulo ai primi soffi del mattino.

U. Saba

Meng Hao-Jan

marzo poeti

Me ne resto a dormire, ed ignoro
l’alba primaverile:
mentre per ogni dove,
si odono gli uccelli.
Dalla notte,
echi di venti e scrosci.
Ma chissà, dopotutto, quanti fiori
divelti sono già sparsi al suolo!

Meng Hao-Jan

Po Chu-I

marzo poeti

La tinta dell’acqua al crepuscolo è ancora bianca.
Le braci del tramonto nell’ombra si smorzano.
Il loto scosso dal vento è un ventaglio spezzato:
l’onda lunare che avanza, un filo di gemme.
Trillando i grilli si chiamano e si rispondono,
le anitre mandarine dormono a coppie.
Lo schiavetto annuncia ripetutamente che è notte
ma i passi esitano sulla via del ritorno.

Po Chu-I

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.